La Scuola Piemontese di Nefrologia di Orta San Giulio

Ad Orta San Giulio, giovedì 28 giugno 2007 presso Palazzo Penotti Umbertini, si è costituita la Scuola Piemontese di Nefrologia di Orta San Giulio.

La scuola, inquadrata giuridicamente nell’Associazione Pronefropatici Fiorenzo Alliata, ha sede presso la città di Orta San Giulio. Iniziativa di rilevante importanza per il territorio delle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola, naque per volontà del dott. Stefano Cusinato, allora Sindaco della città di Orta San Giuilio, e del dott. Augusto Cavagnino, allora Primario della Struttura Complessa di Nefrologia di Borgomanero.

L’idea di creare la Scuola è sorta dalla necessità di affrontare in modo diverso e più concertato la patologia renale, ormai considerata come l’epidemia mondiale del XX° secolo. Anche nelle nostre province le persone affette da malattie renali risultano essere in progressivo aumento interessando circa il 10% dell’intera popolazione. Ad oggi nei comuni che rientrano nel territorio delle ASL NO e ASL VCO vi sono circa 500 persone che si sottopongono a trattamenti dialitici mentre sono circa 400 pazienti portatori di un trapianto di rene.

Lo scopo della “Scuola Piemontese di Nefrologia di Orta San Giulio” è la diffusione della cultura nefrologica, al fine di realizzare programmi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria delle malattie renali.
Proprio su tali motivazioni tra i primi attori della Scuola figurano la Città di Orta San Giulio, l’Università di Torino, Cattedra di Nefrologia, capace di portare quell’indispensabile e fondamentale supporto scientifico, le ASL NO e VCO, con sottoscrizione di delibera firmata dai Direttori Generali di allora Dott. Mario Minola e Dott. Ezio Robotti, i Medici di Medicina Generale e gli Specialisti Ospedalieri delle ASL NO e VCO, le Fondazioni Comunitarie delle provincie di Novara e VCO.

Con questa iniziativa la città di Orta San Giulio sottolinea l’importanza dell’opportunità offerta dalla Scuola in campo socio-sanitario, proponendo un singolare esempio di collaborazione tra Università, Ospedali, Territorio, Comuni e Associazioni.

La Scuola, così strutturata, vuole proporre una sinergia di forze umane, sociali ed economiche che permetta l’impostazione di un importante lavoro nel campo della sensibilizzazione e della prevenzione per le malattie renali.
Le finalità della scuola sono:
• La formazione nefrologica dei Medici di Medicina Generale
• La creazione di percorsi informativi rivolti alla popolazione sulle malattie renali
• Sensibilizzazione alla pratica di corretti stili di vita come forma di prevenzione primaria
• Sensibilizzazione alla donazione d’organo tra nella popolazione ed in particolare tra i giovani

Per la realizzazioni degli obiettivi sovradescritti sono state previste delle modalità attuative quali:

 

Formazione nefrologica dei Medici di Medicina Generale attraverso la realizzazione di:

• un piano formativo costituito da corsi annuali interattivi con tematiche nefologiche tra Medici Specialisti e Medici di Medicina Generale .
• corsi formativi rivolti a Medici ed Infermieri su tematiche rigardanti l’assistenza al malato nefropatico.

 

Creazione di percorsi informativi sulle malattie renali rivolti alla popolazione attreaverso:

• analisi dei dati epidemiologici della letteratura e delle realtà territoriali locali al fine di promuovere interventi mirati e finalizzati.
• avvio e sostegno di rubriche della Salute sui media locali.
• partecipazione a campagne nazionali promosse dalla FIR e dalla SIN
Sensibilizzazione alla pratica di corretti stili di vita come forma di prevenzione primaria attraverso:
• incontri informativi con la popolazione attraverso la collaborazione di Enti Locali ed Associazioni del territorio.

 

Sensibilizzazione alle malattie renali ed alla donazione d’organo tra i giovani attraverso:

• collaborazione con gli istituti scolastici del territorio
• creazione di eventi ed incontri all’interno delle scuole